Pagina iniziale
Vuoi ricevere gratis le nostre ricette?

Tutto sul pane:
baguette
biovone all'Alvà
brazadei
buscel di fich
carcent
casereccio di Genzano
cavaduzzi
ciabatta
coppia ferrarese
filoncino al sesamo
francesino
freselle
grissini
grissini al sesamo
marocca
miccone
michetta
muffuletta
munizione
pan da cool
pane azzimo
pane bigio
pane carasau
pain d'èpices
pane di Altamura
pane di Matera
pane di pasta dura di Pavia
pan di ris
pane di segale ai semi di girasole
pane di Terni
pane in cassetta
pane integrale
pane integrale ai cereali misti
pane agli 8 cereali
pan giald
pane fiorito di Tramatza
pan mistura
pane nero alla pancetta
pane valdostano
piadina
piê armesta
pitta
puccia di pane
rosetta
taralli




COPPIA FERRARESE IGP

La coppia ferrarese è un rinomato tipo di pane di pasta dura, croccante, tipico della Romagna, di rara bontà e dalla forma particolare, famoso anche al di fuori dei confini regionali. Ha ottenuto il riconoscimento del marchio Igp, ovvero di Indicazione Geografica Protetta, ed è tutelata dall'Associazione per la valorizzazione del pane tipico ferrarese. Per la sua forma particolare è inconfondibile e come dice il suo nome, la "coppia" è formata dall'unione di due panetti con un nucleo centrale, chiamato nodo o nastro, da cui si distinguono i due capi, simili a dei cornetti, e detti "curnit". Sono elegantemente ritorti e finiscono a punta, i cosiddetti "grustin". Questa forma apparentemente bizzarra ha una sua ragione di essere, infatti si rivela ideale durante la cottura, poiché permette al corpo centrale di rimanere morbido all'interno e di formare una bella crosta lucida all'esterno. I cornetti invece rimangono gradevolmente croccanti e infatti si conservano più a lungo. La Coppia ha una pasta croccante ma compatta, priva di umidità, come se fosse biscottata. Il profumo è molto caratteristico, assolutamente privo di sentori di farina o di lievito. Il sapore è netto, sapido, sostenuto da una giusta salatura.
Si mangia con un ordine ben preciso, nel senso che prima si consumano i cornetti, croccanti, con pochissima mollica e poi la "stretta", cioè il nodo. Durante la masticazione la pasta resta a lungo croccante. Ha un peso variabile tra i 120 e il 250 grammi. E' un pane altamente digeribile, per merito del particolare processo di lievitazione a cui viene sottoposto.
E' preparata con l'impasto fresco, formato da acqua, farina di grano tipo 0, strutto di puro suino, olio di oliva, sale e malto. Non vengono usati prodotti chimici e come lievito viene utilizzato un pezzo della pasta da pane confezionata in precedenza che viene fatto lievitare. Il lievito naturale così composto viene aggiunto all'impasto e il composto viene lavorato a lungo nell'impastatrice.
Viene ridotto in tanti grossi pani che, una volta infarinati, vengono messi a lievitare disposti in cassoni di legna. L'indomani l'impasto viene lavorato nuovamente fino a renderlo tenero e da qui si ricavano le mezze coppie, che vengono unite a due a due con la "stretta". Le Coppie restano ancora a lievitare disposte su assi di legno per oltre un'ora, dopo vengono cotte in forno.
La Coppia venne "codificata" nel lontano 1287, quando lo Statuto Ferrarese stabilì l'obbligo di fare i pani "che abbiano gli cornetti che non si abbassano quando cuociono". Questo significava che la legge già costringeva i fornai a non mettere troppa acqua nell'impasto. Il risultato fu un pane assai rinomato per la sua bontà e anche per la forma curiosa a doppio cornetto.

USO DELLA COPPIA
La Coppia si trova in commercio in alcune panetterie, ma inizia ad essere venduta anche nei supermercati, non solo italiani ma anche europei. E' un tipo di pane che sarebbe ideale consumare fresco in giornata, si usa a tavola per i pasti principali ed è indicato anche per accompagnare i formaggi morbidi e saporiti come il gorgonzola. Poiché è priva di mollica morbida e spugnosa, la "coppia" può essere spezzettata e aggiunta alle zuppe, come si fa con i crostini.






Consiglia questo sito



Tutte le informazioni del nostro sito devono essere considerate a solo scopo indicativo. caciosuimaccheroni @gmail.com


Norme sulla privacy